QUESITO N. 1

Come riportato nel bando a base di gara:
_ all'art. 6: "Per l’affidamento dei successivi servizi di progettazione definitiva ed esecutiva, realizzazione e gestione per almeno due anni successivi, il vincitore del concorso, dovrà dimostrare i requisiti di capacità economico-finanziaria, tecnico-organizzativa e mezzi diprova.”
_ all'art. 15: “Il comune di Carema, in qualità di stazione appaltante, conformemente a quanto previsto dall’art. 156, comma 6 del D.Lgs n. 50/201 6, si riserva la facoltà di affidare al vincitore del concorso di idee, se in possesso dei
requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa e mezzi di prova, l’affidamento dei successivi livelli di progettazione definitiva ed esecutiva, realizzazione e gestione per almeno due anni, con procedura negoziata senza bando, di cui all’art. 63 del D. Lgs 50/2016.
”chiedo gentilmente di esplicitare maggiormente la tipologia di gestione richiesta.
Inoltre, i partecipanti al concorso di idee devono  avere all'interno del proprio raggruppamento delle figure specifiche legate alla gestione o gestione e progettazione possono essere separate?

Risposta

1) - la gestione che viene richiesta dall’amministrazione, per la durata temporale di due anni successivi alla ultimazione dei lavori di allestimento del museo, riguarda la messa a punto delle elaborazioni progettuali e dei processi realizzativi, che comprende le verifiche e gli aggiustamenti, (modifiche, correzioni e aggiornamento) delle applicazioni e delle altre
componenti software per il buon funzionamento del Museo multimediale.

2) – la figura legata alla suddetta gestione deve essere compresa nel raggruppamento specifico del bando.

QUESITO N.2

Si chiede cosa si intende per ideazione dei prodotti multimediali e delle tecnologie interattive del Museo “Centro Valorizzazione vino Carema”

Risposta

il bando di concorso riguarda l’affidamento misto dei servizi di ideazione, progettazione, produzione e fornitura dei contenuti e dei prodotti multimediali per realizzare un’area espositiva multisensoriale ad alta densità emozionale.

 

QUESITO N. 3

Si chiede la scadenza del bando.

Risposta

Il bando è stato pubblicato sul sito del Comune di Carema, nella sezione Amministrazione Trasparente/bandi di gara e contratti, il giorno 27 novembre 2018.

La data di scadenza risulta il 26 gennaio 2019 alle ore 12,00.

 

QUESITO N. 4

Criticità rilevate:

1) il bando riserva la partecipazione ai soggetti di cui all’art.46 del Codice dei Contratti Pubblici, iscritti alla Camera di commercio detta specifica sembra escludere dalla partecipazione in modo ingiustificato i liberi professionisti che , come ovvio, sono iscritti agli ordini professionali (e non necessariamente alla Camera di Commercio).

Risposta

Il bando di concorso non intende escludere i liberi professionisti, perché possono partecipare come membri di raggruppamenti temporanei o consorzio ordinario di concorrenti. Non è stata prevista la partecipazione in forma individuale in quanto in particolare il bando prevede all’art.15, che la stazione appaltante si riserva di affidare la realizzazione e la gestione per almeno due anni per fornire supporti tecnici e logistici. Considerata la specificità dell’intervento l’amministrazione non disponendo di personale sufficiente non è in grado di svolgere tali compiti di messa a punto

2) assenza totale di indicazioni sulla composizione delle tavole e assenza di codici di riconoscimento nelle stesse tavole (e altri elaborati), che, si ritiene, ne rendono difficile la valutazione in sede di giuria.

Risposta

Il bando lascia ampio spazio alla rappresentazione, trattandosi di allestire un’unica sala delimitata dimensionalmente, permettendo ai partecipanti di esprimere al meglio le idee progettuali. Il compito della giuria sarà quello di valutare l’originalità, la realizzabilità, sostenibilità gestionale e l’economicità del progetto, indipendentemente dal numero delle tavole prodotte.

3) assenza di specificazioni sulle modalità di richiesta dei quesiti (che devono essere anonimi) e sulla loro pubblicizzazione a tutti i concorrenti.

Risposta

E’ stata attivata una apposita sezione dedicata alle comunicazioni nella piattaforma telematica del bando e l’indicazione.

 

QUESITO N. 5

Nel budget di 100.000,00 euro vanno considerati anche i contenuti multimediali o solo le tecnologie? Nel caso fossero solo le tecnologie, chi si occuperebbe dei contenuti multimediali-audiovisivi?

Risposta

Il budget di 100.000,00 euro è l’importo massimo ed è comprensivo di qualsiasi costo per progettare, realizzare, attivare e gestire la messa a punto dell’allestimento museale multimediale, oneri e IVA inclusi, così come previsto nel bando.

 

QUESTITO N. 6

1) E' consentita la partecipazione di un costituendo RTI che veda come componenti, liberi professionisti prestatori di servizi di ingegneria e architettura – iscritti nei relativi ordini professionali – ed aziende iscritte nel registro tenuto dalla Camera di commercio Industria, Artigianato e Agricoltura per attività inerenti l’ideazione di prodotti multimediali, allestimenti e tecnologie interattive.

Risposta

Sì è consentita.

2) In tale costituendo RTI, il ruolo di capofila può essere rivestito ugualmente dall’uno o dall’altro operatore?

Risposta

Sì il ruolo può essere rivestito ugualmente dall’uno o dall’altro operatore, ma l’affidamento dei successivi livelli di progettazione definitiva ed esecutiva, realizzazione e gestione con messa a punto delle elaborazioni progettuali e dei processi realizzativi, che comprende le verifiche e gli aggiustamenti, (modifiche, correzioni e aggiornamento) delle applicazioni e delle altre componenti software per il buon funzionamento del Museo multimediale, per la durata temporale di due anni successivi alla ultimazione dei lavori di allestimento del museo, sarà affidata alla RTI.

 

QUESITO N. 7

Una società di ingegneria, ovviamente iscritta alla C.C.I.A.A., può partecipare singolarmente al concorso di idee?

Risposta:

Sì una società di ingegneria con iscrizione alla C.C.I.A.A.l può partecipare al bando di concorso e all’allegato A 1 indicherà una persona in qualità di rappresentante della società che di seguito verrà esplicitata nell’anagrafica (sede, partita IVA e recapiti vari).